Blondet & Friends! LA UE CI PUNIRA PERCHE’ HA SFORATO …GENTILONI. Ecco il trucco:

Blondet & Friends!
LA UE CI PUNIRA PERCHE’ HA SFORATO …GENTILONI. Ecco il trucco.
LA UE CI PUNIRA PERCHE’ HA SFORATO …GENTILONI. Ecco il trucco.
Maurizio Blondet 7 novembre 2018 25 commenti

Si ritiene anche autorevolmente (per esempio dall’Economist) che per ragioni procedurali, la Commissione europea non lancerebbe una “procedura per deficit eccessivo” contro l’Italia fino all’aprile 2019; per le sanzioni, passerebbero altri sei mesi.

Invece l’attacco della UE contro l’Italia sarà fulmineo: già nelle prossime tre settimane di novembre la Commissione “raccomanderà”” la procedura per deficit eccessivo, e immediatamente applicare la sanzione – sotto forma di deposito infruttifero dello 0,2% del Prodotto interno lordo da depositare preso la Commissione.
PUBLICITÉ

Lo spiega il Peterson Institute for International Economics (PIIE), un think tank americano:

https://piie.com/blogs/realtime-economic-issues-watch/could-sanctions-against-italy-be-imposed-earlier-expected

Il trucco per anticipare immediatamente la messa fuorilegge dell’Italia ed applicare immediatamente la supermulta (ad occhio e croce, sui 46 miliardi) sarebbe quello di condannarci per lo sforamento del 2017, non per quello del 2018. Già infatti nel rapporto precedente, la Commissione aveva ritenuto non conforme alla riduzione del debito il deficit dell’anno scorso; ma aveva sancito che “una procedura per deficit eccessivo non è raccomandata in questa fase, vista l’adesione ex post dell’Italia al braccio preventivo del Patto di Stabilità e Crescita e ad alcuni progressi nell’adozione di riforme strutturali che promuovano la crescita”. Insomma di fatto ci avevano rimandato a settembre, perché c’era Gentiloni che aveva promesso correzioni e nuove austerità (orwellianamente “per promuovere la crescita”). Adesso ci metterebbero sotto processo prima. Come hanno del resto minacciato Moscovici e Dombrovski parlando coi giornalisti amici: “se non cambia il documento programmatico di bilancio, dobbiamo riconsiderare la decisione presa l’anno scorso di non aprire una procedura per disavanzo eccessivo, ai sensi dell’articolo 126 del trattato sul funzionamento dell’Ue“.
PUBLICITÉ

Insomma ci imporrà sanzioni e peggio, con la scusa del mancato rispetto del Patto di Stabilità … da parte del governo precedente. Gli conviene naturalmente anticipare per non dare al governo italiano un argomento di polemica e di ribellione sotto le elezioni europee del maggio 2019. Ed hanno preparato accuratamente questa trappola anticipata: si capisce infatti come “tutti” i paesi dell’eurozona, nessuno escluso, dall’Austria alla Irlanda, abbiano ingiunto all’Italia di obbedire alle regole e di cambiare il suo bilancio col deficit a 2,4%: su istigazione della Commissione di certo. Infatti per invalidare l’anticipazione immediata della punizione – che è comunque un sopruso senza precedenti – occorrerebbe una maggioranza del 65% al consiglio. Ora, vediamo che lorsignori si sono garantiti in anticipo la “loro” maggiorana che legittimerà la loro illegittimità.

“E’ una azione politica coordinata tra Commissione-BCE-Germania più Macron, come quella che era stata approntata contro la Grecia all’inizio del 2015, e prima ancora dell’elezione di Tsipras”, commenta Sèbastien Cochard, diplomatico francese che milita per il Frexit, essendo un candidato di Débout La France, il partito gollista di Dupont-Aignan. Stando al parlamento europeo, ha visto “la gioia dei vigliacchi e dei pazzi sollevati perché l’Italia è vittima del tranello, e non le loro violazioni”. Parla specificamente delle violazioni della Germania, che meriterebbero una procedura per avanzo eccessivo

“Il bilancio preventivo tedesco per il 2019 [voluto da Schauble] prevede il pareggio, anzi l’eccedente dell’1%: è una dichiarazione di guerra all’eurozona. I partner europei hanno bisogno vitale di riequilibrare gli eccedenti esteri tedeschi. Dov’è la concertazione europea? Chi attacca la sostenibilità dell’euro? Che cosa fa la Commissione?”.

La Commissione punisce l’Italia, non la Germania (o la Francia). “Mentre il bilancio in deficit proposto dalla coalizione Lega-5S è quello opportuno: l’economia italiana ristagna. Il bilancio italiano si limita a ridurre l’avanzo primario dal 2 all’1% del Pil, uno stimolo necessario”.

Dombrovski però ha scritto che siccome l’Europa ha avuto “sei anni di crescita”, l’Italia deve cominciare a tagliare il proprio debito , visto che è tanto cresciuta; anche se noi la “crescita” non l’abbiamo vista. E’ il mondo dell’EURSS, del puro potere che si impone e schiaccia.

L’Italia potrebbe difendersi. Ponendo il veto sul bilancio europeo, a cui contribuisce in modo pesante; stampando la propria moneta fiscale locale per vanificare le misure alla greca che la BCE prenderà, per terrorizzare la nostra popolazione. Ma è in grado di farlo, il governo?

(qui sotto una guida pratica di Italexit:)

https://www.ilprimatonazionale.it/economia/come-si-esce-dall-euro-guida-pratica-roger-bootle-71653/

“Il popolo italiano deve capire che il suo paese è in guerra”, diceva un articolo di Zero Hedge. Ma il popolo italiano lo sa?

Un governo che non ha in mano i media di massa, che ha la presidenza della repubblica nemica, ch e nemica la magistratura – le due entità che avrebbero dovuto insorgere contro le offese e gli sputi che i caporioni europei ci hanno lanciato, magari cominciando (i giudici) a “aprire un dossier” contro di loro per aggiotaggio e manipolaizone dei mercati.

Nulla. “Se Moscovici dicesse agli spagnoli solo una delle frasi che dice a noi, la magistratura spagnola emetterebbe un mandato di cattura contro di lui immediatamente”, mi scrive l’amico Raffaele Giovanelli: “ In Grecia nessun funzionario europeo può mettere piede senza esser arrestato. Gli italiani commenterebbero dicendo che gli spagnoli hanno un cattivo carattere. Con la scusa dell’antifascismo la rinuncia alla nostra dignità è diventata una bandiera. Pensa alle tante frasette intercalate negli sproloqui burbanzosi di Mattarella. Tutto questo ha come sbocco quello di tornare ad essere la colonia della Germania e dell’Europa. Ci chiedono di rispettare i patti, stipulati a nostro danno dai precedenti governi, mentre gli altri dei patti si fanno beffe e noi non abbiamo neppure l’ardire di farlo notare. Tanto sanno che questa ventata di indipendenza non durerà essendo gli italiani ansiosi di mettersi sotto un padrone, forse meglio due padroni. Tornati ad essere una colonia potremo far passare per irredentismo la violazione di tutte le leggi. Potremo costruire in modo abusivo facendolo passare per ribellione contro il “tiranno”. Questa è la nostra Patria e ce la dobbiamo tenere”.

E ancora. “Dai ricordi di un’amica di afmiglia che era a Bruxelles come interprete, ti racconto come a Bruxelles trascorrevano il tempo i deputati europei del PD. Organizzavano brevi seminari o miniconferenze stampa dove illustravano i peccati veri o presunti di Berlusconi, sperando che l’Europa li aiutasse a buttarlo giù. Come poi avvenne sotto la regia di Napolitano, fedele esecutore di una politica di sottomissione che lui sinceramente ritiene utile e necessaria. Sputtanavano il primo ministro italiano sputtanando anche se stessi. Poi B. ha provveduto recentemente a proseguito auto-sputtanandosi sino all’impensabile”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi:

64Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)64Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su Google+ (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per stampare (Si apre in una nuova finestra)

Mi piace:
Posted in I pezzi miei
Previous Post: Perché siamo così furbi da essere stupidi? Un problema nazionale.
Next Post: RICOSTRUIRE IL TERRITORIO. UN PROGETTO PATRIOTTICO.
Primary Sidebar
Info

Chi è Maurizio Blondet
Perché questo blog?
Regole del forum
Dove incontrare Blondet

Senza parole

HANNO COLTELLI – E CARTE PREPAGATE DALL’0NU
HANNO COLTELLI – E CARTE PREPAGATE DALL’0NU
Decine di migliaia di “migranti”, dalla Bosnia, stanno sfondando la …
speranza
speranza
LA TRAGEDIA DELLA BOCCONI
LA TRAGEDIA DELLA BOCCONI

Friends

RICOSTRUIRE IL TERRITORIO. UN PROGETTO PATRIOTTICO.
7 novembre 2018
di Roberto PECCHIOLI La natura ha battuto un colpo, nel caldo autunno italiano. In fondo, nulla di eccezionale per il pianeta, qualche pioggia più violenta di quelle …Leggi tutto »
I “SANTI PAPI ” DEL CONCILIO, MILANO 17 NOVEMBRE
I “SANTI PAPI ” DEL CONCILIO, MILANO 17 NOVEMBRE
5 novembre 2018
“Tutti Santi… Da “san” Giovanni XXIII a “san” Paolo VI, ovvero la canonizzazione del Concilio Vaticano II 1º intervento. La canonizzazione dei santi secondo la dottrina tradizionale della …Leggi tutto »
SILVANA DE MARI – PRIME NOTIZIE DEL MIO PROCESSO
3 novembre 2018
Un processo alla libertà di parola alla libertà scientifica. Sono stata querelata dall’ associazione LGBT Coordinamento Pride di Torino per aver fatto con estrema scortesia affermazioni scientificamente …Leggi tutto »
DOTTRINA SOCIALE: UN CASO DELLE ORIGINI
31 ottobre 2018
(Andrea Cavalleri) Il fatto. Il libro degli Atti degli Apostoli fornisce una celebre descrizione della prima comunità cristiana di Gerusalemme. La moltitudine di coloro che eran venuti …Leggi tutto »
di Roberto PECCHIOLI Se chiediamo a un campione di cittadini mediamente informati e di buona istruzione quale sia il problema più grave dell’Italia, otterremo una notevole varietà di risposte. Alcuni parleranno dell’immigrazione, moltissimi della disoccupazione, altri della perdita dei diritti sociali, qualcuno del declino dei principi morali, della corruzione e così via. La nostra tesi è diversa: la questione più rilevante è la denatalità. Un popolo che non fa figli è destinato a finire per consunzione biologica. Si trascina nell’egoismo, nella sfiducia del futuro, nella chiusura mentale, nel rifiuto stesso della vita. Poiché la natura ha orrore del vuoto e altrove la pressione demografica è immensa, qualcuno, fatalmente, ci sostituirà. La civiltà in cui siamo nati sparirà e l’Italia diventerà un concetto del passato. La studieranno sui libri di storia. Il presente intervento si pone un obiettivo: affermare che le culle vuote sono il problema più grave e urgente della nazione e le difficoltà economiche, finanziarie e sociali nelle quali ci dibattiamo hanno tra le cause scatenanti l’invecchiamento e la conseguente diminuzione della popolazione. Forse non è del tutto vero, come pensava Benito Mussolini, che il numero è potenza, ma certamente, in un tempo che aspira alla crescita infinita, perdere popolazione è un elemento di profonda debolezza, il segnale visibile del declino. Nel presente, solo gli argomenti legati all’economia o agli interessi riescono a convincere. Per questo rinunciamo alla mozione dei sentimenti, all’appello in favore della nostra civiltà, al patriottismo, alla necessità di salvare dall’estinzione la nostra nazione. La nostra tesi è che la continuità biologica del popolo italiano conviene, è il migliore investimento per il futuro, un grosso affare per tutti e per ognuno. Partiamo da alcune cifre. La discesa delle nascite è iniziata alla metà degli anni 70 del secolo passato ed è proseguita con moto accelerato sino all’attuale inverno demografico. I nuovi nati, da allora, sono diminuiti del 50 per cento: è un dato drammatico e ogni statistica annuale certifica un nuovo primato negativo. In una popolazione, per riprodursi senza aumentare, il tasso di fertilità non deve essere inferiore a 2,1 per ciascuna donna in età feconda. La media attuale è di 1,35. Entro pochi anni, la popolazione diminuirà di ben dieci milioni. Noi pensiamo che sia un male, un evento epocale a cui porre rimedio senza ricorrere alla soluzione perseguita dalle oligarchie di potere, ovvero la sostituzione degli italiani con popolazioni di altra origine, cultura, etnia. Un dato inconfutabile dovrebbe far riflettere: la curva del debito pubblico ha iniziato la sua impennata da quando ha cominciato a calare la natalità. Le uniche province italiane in cui il numero dei nati supera quello dei morti sono quelle di Trento e Bolzano. In Alto Adige è attiva un’agenzia per la famiglia dotata di fondi e di idee, tanto che l’Istat ha ammesso che se quelle politiche fossero estese all’Italia intera, figureremmo tra gli Stati europei con la più elevata natalità. Vi sono dunque soluzioni, per quanto fatalmente di lungo periodo, al di là degli immensi mutamenti antropologici e valoriali dell’ultimo mezzo secolo. Il libro più interessante sull’argomento è il recente La culla vuota della civiltà, scritto a quattro mani da

Par défaut

Votre commentaire

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l’aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion /  Changer )

Photo Google

Vous commentez à l’aide de votre compte Google. Déconnexion /  Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l’aide de votre compte Twitter. Déconnexion /  Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l’aide de votre compte Facebook. Déconnexion /  Changer )

Connexion à %s